Piccolo blu e piccolo giallo

Oggi vi racconto un grande classico della letteratura per l’infanzia: Piccolo blu e piccolo giallo di Leo Lionni. La sua prima pubblicazione negli Stati Uniti risale al 1959 (la prima edizione italiana al 1975 a cura di Emme Edizioni) ma è ancora attualissimo e di grande impatto comunicativo.

Piccolo blu e piccolo giallo sono due grandi amici. Insieme giocano e si divertono.


Un giorno mamma blu deve  uscire e dice a piccolo blu di aspettarla in casa, ma lui vuole giocare con il suo amico piccolo giallo. Così piccolo blu esce alla ricerca del suo grande amico.

Girovaga ovunque fino a quando finalmente lo trova. I due amici emozionati si abbracciano forte e… diventano verdi!


Quando tornano a casa, le loro mamme e i loro papà non li riconoscono più. I due amici allora cominciamo a piangere: lacrime gialle e lacrime blu. Ecco che i due protagonisti sono di nuovo separati.

I genitori, felici di aver ritrovato il proprio piccolo, si abbracciano, diventano verdi e capiscono così l’accaduto.

Piccolo blu e piccolo giallo, edito in Italia da Babalibri, è uno scrigno ricco di grandi tesori.
Leo Lionni ci racconta con potente semplicità l’importanza dell’amicizia, dell’incontro con il diverso. Piccolo blu e piccolo giallo ci ricordano che l’incontro con l’altro è arricchimento della propria identità, che comunque rimane sempre viva e forte. I due amici si uniscono, ognuno impara e prende dall’altro, ma nello stesso tempo le identità dei due rimangono distinte. Perché è questo quello che accade nell’amicizia e nei rapporti: prendiamo pezzettini dell’altro per crescere, imparare pur rimanendo sempre noi stessi.
Temi importanti nell’attualità di oggi in cui troppo spesso l’altro, il diverso, viene visto come pericolo per noi e per la nostra identità. Piccolo blu e piccolo giallo diviene allora un grande strumento per parlare di ciò fin dalla prima infanzia.
Le illustrazioni semplici e astratte, i protagonisti e le ambientazioni sono in fondo semplici macchie di colore nate dal genio di Leo Lionni che rendono ancora più forte e chiaro il messaggio.

Davvero un piccolo scrigno custode di un grande tesoro che assolutamente non può mancare nelle librerie dei più piccini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...